Ci sono posti che ti rimangono nella mente per una vita eppure non ci vai mai.

Ti raccontano storie su quel  luogo e tu, anche se ti sembra di conoscerlo benissimo, lo dai per scontato.

Ci passi davanti, assaggi un fugace sapore di ricordo consolidato e via dritto per la tua strada, deglutendo senza accorgerti che quel che butti giù non è altro che un boccone di te stesso.

Tanto sai che i posti non hanno gambe e che al contrario delle persone rimangono li dove li abbiamo lasciati a corrodere al vento senza amarezze ne rimpianti, con la pazienza di chi non è umano.

Martina

Chiesa di Santa Anastasia, Verona, Febbraio 2010