Sono così stanca stasera che potrei addormentarmi ovunque. Qualsiasi posto andrebbe bene. 

“Chiese allora un aratore: Parlaci del Lavoro. ed egli rispose dicendo: voi lavorate per poter andare di pari passo la terra e la sua anima. Poichè oziare significa diventare estranei alle stagioni, e uscire dalla processione della vita, che in fiera sottomissione avanza maestosamente verso l’infinito. Quando voi lavorate siete un flauto che nel suo cuore volge in musica il mormorio delle ore. Chi di voi vorrebbe essere una canna muta e silenziosa quando tutte le altre cantano all’unisono? Vi è sempre stato detto che il lavoro è una maledizione e la fatica una sventura. Ma io vi dico che quando lavorate realizzate una parte del sogno più remoto della terra, a voi assegnata quando quel sogno nacque.. Ed è nel mantenervi con fatica che voi in realtà amate la vita, Ed amare la vita attraverso al fatica significa essere molto prossimi al suo segreto più profondo.”

” Vi è stato pure detto che la vita è oscurità, e nel vostro tedio ripetete ad eco ciò che è stato detto dallo svolgiato. E io vi dico che la vita è davvero oscurità se non c’è slancio,

ed ogni lancio è cieco se non c’è conoscenza,

ed ogni conoscenza è vana se non c’è attività,

ed ogni attività è vuota se non c’è amore”

” E che cosa significa lavorare con amore? Significa tessere un abito con fili tratti dal vostro cuore, come se dovesse indossarlo il vostro amato. Significa costruire una casa con dedizione, come se dovesse abitarla il vostro amato. Significa impregnare tutte le cose che fate con un respiro vestito di gioia, comese dovesse consumarne il frutto il vostro amato. Significa impregnare tutte le cose che fate del soffio del vostro spirito.”

da Il profeta di Kahlil Gibran

lipstickonyourpillowcase:

Sasha for Vogue Russia.