Paracadute

3942adfde7a23081f79e7d5540bc97be1bf740b9ddff26ce9980b9c33e7d1e1e

Scrivo poco ultimamente rispetto il mio canonico post settimanale degli ultimi mesi. Quindici giorni di mutismo serrato e quasi non mi riconosco ma questa volta non riesco a preoccuparmene. So che sto raccogliendo materiale che in un giorno futuro mi servirà per raccontarmi ancora su questi schermi. Cosa sto facendo? Vivo. E lo faccio senza filtri. Me ne frego. Ancora più di prima. Abbraccio il rischio e mi godo a pieno il brivido dell’incertezza. Sfido la sorte e gioco a scacchi col destino, ed in questa partita, stavolta, non ho paura di perdere. Non ha nemmeno importanza perchè ho capito che non si può controllare tutto. Poi leggo un sacco (poesie soprattutto ) e lo faccio impossessandomi gelosamente delle parole che mi entrano negli occhi. Le assorbo tutte con un cuore che è poroso come una spugna, lasciando che si appoggino, una dopo l’altra, fino a riempire ogni più piccolo spazio libero che trovano. Voglio che diventino mie. Voglio che si sposino con i miei umori. Mollo le redini e seguo la corrente dell’istinto. Quello che non sbaglia mai se lo ascolti con orecchie oneste. Come se non bastasse sto seriamente rischiando di diventare logorroica. Continuo a parlare ininterrottamente. Lo faccio ovunque e smetto solo quando dormo. Parlo finchè non esaurisco vocaboli e saliva, finchè non mi si secca la bocca, finchè non mi viene sete. E ascolto anche, ascolto moltissimo ma solo quello che mi va di sentire. Il resto è un sottofondo senza note, un rumore sordo che non s’imprime nei timpani. Accendo tutti e cinque i sensi e raccolgo ognuna delle mie emozioni nello stomaco, all’altezza dell’ombelico. Le lascio albergare li, una sopra l’altra al caldo del mio centro di gravità.

Notte

M.

Paracadute:

Smetti, alla fine, | di frenare: | rilassati | e lasciati andare. | Vedrai che | nel precipitare | ti farò io | da rete, | da scudo | lungo il salto, | e scoprirai | che rimbalzare | dopo la caduta | è come ritrovare | un’altra vita | che pensavi | di avere | ormai perduta.

di Paolo Ruffilli – AFFARI DI CUORE

Photo: Varie su Pinterest