Sai tenere un segreto?

tumblr_m7nbuocLeq1qzngato1_1280

tumblr_n09svl6r3C1qj7w7ao1_1280

Guardo la mia pagina virtuale ed è sempre più bianca. Vuota. Lampeggia la barra di scrittura, pulsa ad intermittenza come ad incitarmi: “Su Martina, scavati un pò dentro, snocciola qualche pensiero e buttale giù due righe” sembra dirmi. Ma niente. Non mi viene in mente nulla da raccontarvi, nemmeno una storia. Nemmeno la mia. Si sa, dei momenti belli che ci appartengono siamo gelosi. Ce li teniamo stretti, stretti perchè nella vita sono troppo pochi e perchè i segreti fanno parte del nostro bagaglio personale. Ne abbiamo tutti. Chiunque tiene celato dentro di se qualche piccolo mistero. Le cose nostre. E come un lampo a ciel sereno, mentre digito rassegnata queste righe si materializza l’idea. E vi racconto un SEGRETO.

Scendi le scale della tua anima ed apri la porta della cantina che sta dentro di te. Più che una porta è una botola, e dopo la botola altre scale. Sempre più giù. In fondo, nascosto sotto la polvere di mille esperienze, montagne di emozioni contrastanti, pile di ricordi preziosi e tappeti di piccole paure c’è il segreto più vecchio che hai. Tutti noi, indistintamente ne abbiamo uno. Piccolo o grande che sia, c’è. Uno per ognuno. Ed anche se spesso fingi di dimenticartene quello esiste, prigioniero di un silenzio al quale l’abbiamo segregato assieme a tutte le altre cose non dette. Riposto in un angolo buio del nostro essere. Impercettibile agli occhi del mondo, così evidente agli occhi del cuore. Innegabile tanto quanto impronunciabile. Celato da chissà quale motivo. Ti sei mai chiesto qual’è quello reale? E se realmente esiste una ragione che sostenga una valida tesi?

Poi però, succede, che arriva il giorno in cui devi fare pulizia e decidi di far prendere aria a quello spazio angusto. Arriva un tempo in cui aprire le finestre è necessario, perché l’atmosfera laggiù si è fatta afosa e compressa. Perché ci sono segreti che pesano come macigni e che ci camminano dentro come formiche. Mica tutti, ma alcuni si. Succede magari che arriva qualcuno con in mano la chiave per aprire, una dopo l’altra, tutte le porte di quello che sei. Perché i segreti sono pezzetti di ciò siamo. Sono le nostre parti più sottili e fragili. Sono capelli d’argento, ciglia di cristallo e unghie di zucchero della nostra personalità.

E se, a quel qualcuno, chiedessi dove ha trovato quella minuscola chiavetta dorata non riuscirai ad ottenere una risposta. Nemmeno lui lo sa. Si è semplicemente svegliato una mattina e l’ha trovata li, appoggiata sul cuscino, per caso. L’ha deciso il destino, giocando a dadi con la sorte.  E’ passato di là,  ed ha abbandonato il passe-partout di te stesso su quella federa bianca accanto al lento respiro assonnato di questa persona.

Abbraccia il coraggio, respira profondo e dillo veloce. Tutto d’un fiato. Non ci pensare, fallo e basta. Accosta una mano di fronte alla bocca ed avvicina le labbra all’orecchio del tuo interlocutore. Sussurralo con un filo di voce. Scandisci bene le parole e usa il linguaggio più semplice che conosci.

Ti accorgerai che ciò che prima sembrava assurdamente immenso, poi diventa piccolo piccolo. E che i segreti non hanno ragione d’esistere se non per essere confidati.

Buona Giornata

xxx

M.

PHOTO: http://thethinkingtank.tumblr.com

Annunci